Adam Nathaniel Furman_LOUNGE HOG_low table_© De Rosso 1920x1080

Abet e De Rosso, l’esuberanza del design

Se volete un saggio di come il laminato plastico può diventare il materiale perfetto per esaltare il design da collezione, lo strumento d’elezione di progettisti visionari, non dovete per forza risalire indietro negli anni fino a Memphis o ad Alchimia. C’è un progetto fortemente voluto da Roberto De Rosso, che ha attinto a piene mani dall’archivio della sua factory, aggiungendovi alcuni inediti creati per l’occasione, ed altri pezzi di designer che hanno impiegato i laminati Abet.

Una collezione tra classici rieditati o reinterpretati e nuovi design che celebra oltre trent’anni di creatività e fantasia visionaria. La prima serie, composta da sette pezzi e alcune varianti, certificati in edizione limitata, che coinvolge cinque creativi del panorama internazionale accomunati dall’uso esuberante del colore applicato alla filosofia del linguaggio De Rosso, tra citazioni Pop Art, rimandi al movimento Alchimia e allo stile Memphis. La famiglia di arredi copre le varie zone della casa e non solo quelle. Dall’enigmatica libreria totem di Martine Bedin alla scultorea seduta di Richard Hutten in cinque caleidoscopiche versioni, al tema delle credenze e contenitori interpretato con ironia da Paola Navone; dal tavolo vestito con l’allegorica grafica pop di Ugo Nespolo fino alle forme zoomorfe dei nuovi pezzi firmati Adam Nathaniel Furman: il tavolino riccio e l’irriverente sedia-mostriciattolo pronta a mordere chi si siede. Le Limited Editions De Rosso sono dedicate ai collezionisti e agli amanti del design; costituiscono un’importante raccolta fuori dall’ordinario, non convenzionale ed esclusiva, in un connubio perfetto tra inventiva e originalità.

I creativi coinvolti sono Martine Bedin, Adam Nathaniel Furman, Richard Hutten, Paola Navone e Ugo Nespolo.